Come creare un’inserzione Facebook in pochi minuti

Come creare un’inserzione Facebook in pochi minuti

I 3 step per creare un’inserzione Facebook efficace

Una quantità di persone sempre crescente si sta accorgendo che investendo sempre più soldi sulle sponsorizzate (ovvero l’inserzione Facebook o Instagram) riesce ad ottenere risultati sempre migliori (in termini di copertura, interazioni o tasso di conversione).

Ciò significa: aumento delle inserzioni, aumento del budget e della durata delle stesse. In poche parole, introiti sempre crescenti per la creatura di Mark Zuckemberg.

Un primo effetto di questo “affollamento” è una sensibile diminuzione della reach organica dei post e delle interazioni, nonostante questi due parametri, ci teniamo a sottolinearlo, non sempre rappresentano indicatori di performance (Kpi ) affidabili.

Per approfondire questo argomento, potete dare un’occhiata a questo articolo di Web in Fermento.

Nel caso in cui la copertura organica e le interazioni siano scarse,  ecco che arriva in soccorso l’inserzione Facebook che prontamente darà una “sgasata” ai nostri contenuti (foto, video, articoli di blog… purché validi) e, di conseguenza, aumenterà la visibilità del nostro brand.

A questo punto è lecito chiedersi “Posso creare da solo un’inserzione?” ma la risposta non sarebbe così semplice.

Tecnicamente è sconsigliabile affidarsi al fai-da-te quando si parla di marketing e il discorso è identico quando si parla di web marketing.

Perché?  Innanzitutto per questioni intrinseche: una web agency che si rispetti ha studiato e capito (si spera!) i meccanismi e le strategie alla base delle campagne pubblicitarie di facebook e riesce ad interpretare meglio i risultati e confrontare le aspettative. In effetti, è proprio quello il suo core-business.

E poi anche per questioni tecniche. Una web agency è dotata di una serie di strumenti (Gestione Inserzioni, Pixel, Power editor, ecc.) che usa per monitorare le campagne, gestirne diverse contemporaneamente, allocare budget su questa o su quell’altra, analizzare i diversi audiences di riferimento. Basterà concordare gli obiettivi, la strategia per raggiungerli e il budget da destinare ad ogni inserzione Facebook e il gioco è (quasi!) fatto!

Se comunque non rientra ancora nei vostri piani investire un budget per affidare il vostro marchio ad un’agenzia di web marketing, in questa mini-guida proviamo a darvi qualche indicazione per creare un’inserzione Facebook .

  1. Definire il pubblico

Non appena scegliamo di mettere in evidenza un post sulla nostra pagina aziendale, Facebook ci chiede a chi vogliamo rivolgerci.

Scelta pubblico inserzione facebook

Schermata scelta pubblico

A questo punto, dobbiamo selezionare un nuovo pubblico definito in base ai seguenti parametri:

a) Genere – Quasi sempre conviene scegliere “Tutti”, solo in alcuni casi, come per esempio un’azienda di cosmetici, potrebbe voler preferire di rivolgersi ad un pubblico di sole donne.

b) Età – Per l’inaugurazione di una pizzeria magari sceglieremo un’età compresa tra i 20 e i 65 anni, per una annuncio relativo ad una festa in discoteca forse è meglio abbassarlo dai 18 ai 35 anni.

c) Luoghi – Vendiamo pane a Palermo, ci interessa promuoverci in tutt’ Italia? Probabilmente no.

Abbiamo un e-commerce con base a Lucca, ha senso sponsorizzare i nostri post solo in Toscana? Probabilmente no.

Questo parametro merita maggiore attenzione perché potrebbe allargare inutilmente (raggiungendo persone non interessate) o ridurre drasticamente (escludendo potenziali clienti) il pubblico di riferimento della nostra inserzione Facebook.

Per essere ancora più precisi e puntuali, abbiamo a disposizione anche una selezione del pubblico per interessi, dove è possibile scegliere di includere profili di persone che soddisfino almeno uno dei requisiti indicati.

interessi sponsorizzata facebook

Scegliere degli interessi per targettizzare il pubblico al meglio

Torniamo alla nostra azienda di cosmetici, varrà la pena scegliere interessi legati a quella sfera come, per esempio, “bellezza”, “forma fisica” e “vendita al dettaglio”.

In questo passaggio, scelti tutti i parametri, è possibile avere anche una stima del pubblico potenziale (ovvero quello che raggiungeremmo se avessimo a disposizione budget infinito) con anche un comodo indicatore grafico che ci avvisa se è troppo specifico e troppo ampio. L’indicatore verde sta a rappresentare un perfetto bacino di utenza per il nostro post.

  1. Scegliere il budget e la durata

Dopo aver scelto il pubblico di riferimento, bisogna stabilire il budget da investire.

budget sponsorizzata facebook

Regolare il budget da investire

Qui i suggerimenti contano poco, bisogna semplicemente aprire il portafoglio che destiniamo alla pubblicità e decidere quanta di quella liquidità destinare a facebook. Il consiglio che possiamo dare è di non essere troppo avari perché il tasso di conversione della pubblicità su facebook è, attualmente, fra i più alti in circolazione (può arrivare e superare anche il 10%)

Il budget che sceglieremo potrà essere gestito e “usato” in un singolo giorno, su 7 giorni, su 14 o fino alla data che scegliamo dalla maschera.

In quest’immagine, con 17€, la nostra inserzione Facebook di riferimento sarà sponsorizzata per un solo giorno e raggiungerà una platea stimata fra le 8.100 e le 21.000 persone. Non male, vero?

Non ci resta ora che cliccare su “Metti in evidenza” e il gioco è fatto.

3. Il monitoraggio

A dire il vero, siamo solo a metà dell’opera, il bello viene qualche giorno dopo aver realizzato con successo la nostra inserzione.

risultati sponsorizzata facebook

Ecco un esempio di Insights rispetto ad un’inserzione

Il bello viene dall’analisi dei dati ( Insights) delle statistiche della nostra promozione. Una strategia di marketing che sia vincente non può prescindere dal profilare i potenziali clienti. Capire le abitudini di chi ha interagito col nostro post, gli orari in cui l’ha fatto, quanti anni ha e come si collega ad internet, è fondamentale per impostare le campagne future e ottenere sempre migliori risultati con un investimento sempre più mirato.

Conclusioni

Non è difficile promuovere un post se sai come farlo ma se intendi farlo spesso e in maniera strategica, ti conviene affidarti a chi imposta campagne promozionali di mestiere. Gli strumenti per le web agency consentono di profilare ancor più dettagliatamente il pubblico a cui vogliamo rivolgerci, a monitorare con ancor più precisione l’andamento di una campagna e gestirne facilmente l’obiettivo stesso. E’ addirittura possibile scegliere gli orari in cui la nostra inserzione sarà attiva.

“Ma questa è un’altra storia” come diceva Lucarelli e, forse, la racconteremo in un’altra mini-guida.

Luigi Oliviero
Luigi Oliviero
luigi@nslab.it

Amante dei numeri fin da bambino, ha portato questa passione anche nel lavoro analizzando e confrontando le performance di fanpages e ads. In passato autore e speaker radiofonico e già articolista per webzine musicale. Accanito divoratore di serie TV e basket NBA.

Nessun commento

Inserisci un commento